Inizio pagina Salta ai contenuti

Città di Asolo Provincia di Treviso - Regione del Veneto

Piazza G. D'Annunzio 1 - 31011 - Tel. +39 0423 5245 - PEC: comune.asolo.tv@pecveneto.it


Contenuto

Comunicato

Comunicato

Comune:

Asolo

Data:

13/03/2015 00:00

Oggetto:

L'Amministrazione di Asolo, nella persona dell'ass. Franco Dalla Rosa, parteciperà ad Erevan,capitale dal 1991 dell'Armenia, all'inaugurazione della mostra dedicata al suo illustre concittadino Leon Gurekian (Costantinopoli 1871 – Asolo 1950) nell'ambito della commemorazione del 100º Anniversario del Genocidio del Popolo Armeno.

Descrizione:

Il Sindaco,  nel messaggio indirizzato agli organizzatori della mostra,   sottolinea che consideriamo Léon Gurekian un asolano di cui andiamo particolarmente fieri.  E non solo per i risultati nel  campo professionale ma soprattutto per un cammino di impegno e di coraggio che ha dimostrato negli anni, affrontando con responsabilità e tenacia tutti gli appuntamenti dellapropria vita.
Leon Gurekian  studiò preso la scuola dei Padri Mechitaristi a Trebisonda e poi al Collegio Armeno di Venezia dove completò gli studi nel 1888. Giunto in Italia nel 1907 probabilmente perchè la sua attività di intellettuale e patriota armeno lo esponeva a gravi pericoli (negli anni seguenti tutta la sua famiglia sarà massacrata dai Turchi a Trebisonda nel corso del genocidio iniziato il 25  aprile 1915)  ottenne la licenza di Professore di disegno Architettonico e successivamente si laureò in architettura alla Regia Scuola di Applicazione per gli ingegneri a Roma.
Durante il Primo Conflitto Mondiale soggiornò ad Asolo dove si mantenne facendo il fotografo. Autore de  "Il Diario dopo Caporetto - 13.11.1917/18.04.1918" descrive le grandi o piccole cose che stavano avvenendo attorno a sè, in Asolo.
Come scrive il nipote Armen Gurekian nella prefazione del diario "Lo sostiene la speranza di una rapida e decisiva vittoria. Ma questa è sempre vista non solo nell’ottica del raggiungimento di uno stato di pace ma del conseguimento della concreta realizzazione del “sogno”  di avere
finalmente una propria patria,  di uscire dallo “status”  di “non cittadino”,  anche se perfettamente integrato in qualsiasi parte del mondo si trovi".
Dopo il 1921,  conscio del fallimento dell'obiettivo che aveva sempre perseguito cioè la realizzazione dell'indipendenza della repubblica armena,  si stabilì definitivamente ad Asolo dove costruì la sua abitazione che chiamò Villa Ararat, abbandonò l'architettura e si dedicò agli scritti politici e filologici. Morì ad Asolo il 2 settembre 1950.
La presenza ad Erevan della rappresentanza asolana è ritenuta altresì importante per promuovere turisticamente la Città di Asolo e il suo territorio.

Allegati Comunicati Stampa
Piazza G. D'Annunzio, 1 - 31011 Asolo (TV)
Partita I.v.a. 00813400264 - Codice fiscale 83001570262 - IBAN IT77K0622512186100000046985
protocollo@comune.asolo.tv.it - PEC: comune.asolo.tv@pecveneto.it